L’Ordine del Toson d’Oro nel XXI secolo

Pubblicato il Pubblicato in Storia

L’Ordine del Toson d’Oro nel XXI secolo

Come molti sanno, durante tutta la prima metà del XVIII secolo furono combattute quasi ininterrottamente numerose guerre di predominio (le c.d. guerre di successione), che mutarono profondamente gli equilibri politici determinatisi nel secolo precedente fra le grandi potenze d’Europa. In questo contesto la gloriosa storia dell’Ordine cavalleresco del Toson d’Oro è stata indelebilmente segnata da tali avvenimenti che, tra le altre cose, portarono alla nascita di due rami del medesimo Ordine ancora oggi esistenti: uno spagnolo e uno austriaco.

Il ramo spagnolo

Ai nostri giorni la sovranità della linea spagnola dell’Ordine appartiene a S.M. Don Juan Carlos de Borbón (Roma, 5 gennaio 1938), attuale re di Spagna.

È interessante notare come tra coloro che sono stati insigniti dell’Ordine del Toson d’Oro dal Gran Maestro del ramo spagnolo figurino personalità illustri della storia contemporanea. Tra queste ricordiamo:

·         S.E. Don Adolfo Suárez González, duca di Suárez e presidente del primo governo democraticamente eletto dal popolo spagnolo dopo la morte del Generale Francisco Franco.

·         S.A.R. il Re Alberto II di Sassonia-Coburgo-Gotha, Re dei Belgi.

·         S.M. la Regina Beatrice I di Orange-Nassau, Regina dei Paesi Bassi.

·         S.M.I. l’Imperatore Akihito, Imperatore del Giappone.

·         S.M. la Regina Elisabetta II di Windsor, Regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord e capo del Commonwealth.

·         S.M. il Re Simeone II di Sassonia-Coburgo-Gotha, pretendente al trono di Bulgaria, ex primo ministro di Bulgaria e figlio di Giovanna di Bulgaria (figlia di Vittorio Emanuele III di Savoia).

  • S.A.R. il Principe Don Felipe de Borbón y Grecia, Principe delle Asturie ed erede al trono di Spagna.

 

Il ramo austriaco

Per quanto concerne la linea austriaca ai nostri giorni il Gran Mastro dell’Ordine del Toson d’Oro è l’arciduca Carlo d’Asburgo-Lorena (Starnberg, Baviera, 11 gennaio 1961), capo della Casa d’Asburgo dal 2007, eletto deputato al Parlamento Europeo nel 1996 come indipendente del Partito Popolare Austriaco e dal 2002 Direttore Generale dell’Organizzazione delle Nazioni e dei Popoli non rappresentati. Carlo è figlio di S.A.I.R. l’arciduca Otto d’Asburgo (Reichenau an der Rax, Austria, 20 novembre 1912), il quale è stato il Capo della Casa d’Asburgo dal 1922 al 2007, anno in cui ha abdicato in favore del figlio Carlo d’Asburgo-Lorena. Otto è figlio dell’Imperatore Austriaco e Re d’Ungheria Carlo I (beatificato da Sua Santità papa Giovanni Paolo II il 3 ottobre 2004).

Tra le personalità più note che ai giorni nostri sono onorati di essere membri del ramo austriaco dell’Ordine ci sono:

·         S. E.za Rev.ma Christoph Cardinale Schönborn, Arcivescovo di Vienna e Presidente della Conferenza Episcopale Austriaca.

·         S.A.S. il Principe Hans-Adam II del Liechtenstein, Principe del Liechtenstein.

·         S.A.R. il Re Alberto II di Sassonia-Coburgo-Gotha, Re dei Belgi.

·         S.A.R. il Granduca Giovanni I di Nassau-Weilburg, Granduca del Lussemburgo dall’abdicazione della madre Carlotta nel 1964 fino alla sua abdicazione nel 2000 a favore del figlio Enrico.

 

Questo semplice e conciso articolo su alcune delle personalità più note del panorama internazionale contemporaneo insignite del Toson d’Oro, cerca di dimostrare come questa nobilissima istituzione non sia un Ordine cavalleresco che appartiene solamente ad un leggendario passato, che lo rese certamente il più importante Ordine in Europa, ma è senza dubbio un Titolo tra i più prestigiosi del mondo ancora attuale ed ambito.

 

Ivano Abbadessa

Vice presidente dell’Associazione Culturale Amici del Toson d’Oro